COME DETERMINIAMO CIÒ CHE È GIUSTO E CIÒ CHE È SBAGLIATO

Pubblicato il 16 maggio 2024 alle ore 12:43

In risposta ad alcuni dei post che ho scritto su questioni come il transgenderismo e “Cinquanta sfumature di grigio”, ho sentito donne arrabbiate perché avrei presentato alcune scelte sessuali o stili di vita come moralmente sbagliati. Ecco un esempio:


Chi sei tu per dire che andare a letto con un'altra donna è sbagliato? Se è così che è stata creata una persona, lascia che sia quello che è! Non accettare una persona per come è stata creata è crudele e il contrario di come un cristiano dovrebbe amare.


Come determiniamo ciò che è giusto e ciò che è sbagliato in questioni personali come l'omosessualità e l'erotismo? Chi ha l’autorità per definire la moralità? La corte suprema? Un voto popolare? Un gruppo di psicologi?


Isaia ci ha avvertito che il bene e il male possono mescolarsi. ”Guai a quelli che chiamano bene il male e male il bene, che cambiano le tenebre in luce e la luce in tenebre, che cambiano l’amaro in dolce e il dolce in amaro” (Isaia 5:20).


Nella cultura odierna, il bene e il male vengono classificati attraverso una griglia di quello che percepiamo come il meglio per noi stessi e per i nostri simili. In sostanza, gli esseri umani ora sono “dio”, con l’autorità di determinare la nostra bussola morale.


Con questo tipo di visione del mondo umanistica, la moralità è definita come “non fare del male”. L’etica e la moralità si misurano in base al fatto che le persone vengano ferite o meno.
"Non sta facendo del male a nessuno, quindi come potrebbe fare qualcosa di sbagliato?" Da questo punto di vista, ad esempio, si ritiene che i cristiani che si oppongono al matrimonio gay facciano del male. Stanno “ferendo” le persone che vogliono celebrare lo stile di vita gay. Al contrario, coloro che vogliono partecipare al matrimonio gay non sono considerati dannosi.


Può qualcosa essere immorale anche se non “ferisce” qualcun altro? Fino a 50 anni fa eravamo considerati una società “timorata di Dio”. Anche coloro che non affermavano di essere cristiani avevano la sensazione di onorare Dio come autorità morale. Si riteneva che il sesso consensuale al di fuori del matrimonio, la frequentazione di strip club e le parolacce fossero immorali anche se non "danneggiavano" gli altri. La moralità era basata sul disegno espresso da Dio su come e perché aveva creato l’umanità. Adesso sembra che vada tutto bene finché nessuno si fa male. Questo è l'umanesimo allo stato puro. Anche Dio esiste solo se si adatta ai nostri scopi. Paolo predisse che ci saremmo trovati esattamente in questa situazione (vedere 2 Timoteo 3).


Se sei un seguace del Signore, non puoi basare le decisioni morali principalmente sul modo in cui le nostre decisioni influenzano le altre persone. Una definizione biblica di giusto e sbagliato si basa, innanzitutto, sull’onorare e riverire Dio. “Il timore dell’Eterno è il principio della saggezza” (Salmo 111:10). Prima che Gesù ci dicesse di amare “il tuo prossimo come te stesso”, disse che il comandamento più grande era ”ama il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, tutta la tua anima, tutta la tua mente e tutta la tua forza”. (Marco 12:29, 31). Ancora più importante del modo in cui ci trattiamo a vicenda è il nostro completo abbandono e adorazione al nostro Creatore.


In quanto creature create da un Dio sovrano, non abbiamo altra chiamata nella nostra vita che sottometterci alla sua volontà e al suo disegno. La moralità, in definitiva, ruota attorno al desiderio espresso dal Signore nei nostri confronti, rivelato nelle pagine della Bibbia.


Alcuni potrebbero obiettare: “Quelli della comunità LGBT sono nati così!” Piuttosto che discutere se questo sia vero o meno, è chiaro che alcune persone, per qualsiasi causa, hanno una tendenza profondamente radicata verso l’attrazione per lo stesso sesso o hanno profonde difficoltà con l’identità di genere. Anche se questa confusione o senso di orientamento sessuale è iniziato “dalla nascita”, la Scrittura è ancora vera. C’è differenza tra il modo in cui siamo stati creati, l’intento originale di Dio, e il modo in cui nasciamo. Nessuno direbbe che un bambino è stato “creato” con una disabilità anche se è nato con un handicap. A causa del peccato, la nostra natura fisica e spirituale non riflette perfettamente l’intento creativo di Dio.


Paolo dice in Romani 7 e 8 che siamo nati con una natura ostile e ribelle a Dio. “Coloro che sono nella carne, non possono piacere a Dio” (Romani 8:8). Nasciamo distrutti, ribelli e peccatori. La comunione con Dio può avvenire solo quando confidiamo che Cristo crocifiggerà il nostro vecchio essere peccatore con Cristo “affinché il peccato possa perdere il suo potere sulla nostra vita” (Romani 6:6). Ognuno di noi nasce nell'egoismo, nella depressione, nella paura e nella disgregazione sessuale.


Onorare Dio come Signore spesso significa negare i desideri umani. Gesù stesso lo ha dimostrato quando, prima della sua crocifissione, pregò: “Non sia fatta la mia volontà, ma la tua” (Lc 22,42). Durante la sua vita, ha detto cose che hanno ferito e offeso molte persone mentre proclamava la verità. Anche la sua morte sulla croce fu offensiva, come testimonia Paolo: “Quindi quando predichiamo che Cristo fu crocifisso, gli ebrei si offendono e i gentili dicono che è tutta una sciocchezza. Ma per coloro che sono chiamati da Dio alla salvezza, sia ebrei che gentili, Cristo è potenza di Dio e sapienza di Dio”. (1 Corinzi 1:23-24).


Sia l’Antico che il Nuovo Testamento sono pieni di esempi di esseri umani che soffrono di danni a causa del continuo peccato e del rifiuto di Dio. A causa della loro mancanza di rispetto per la santità di Dio, Anania e Saffira furono uccisi in modo soprannaturale (vedere Atti 5). In segno di riverenza verso Dio, la chiesa primitiva escludeva le persone dalla comunione a causa del loro peccato impenitente. Sicuramente li “feriva”, ma il bene più grande era riconoscere la santità di Dio come bussola di tutta la moralità. In Ebrei 12 ci viene detto che Dio disciplina coloro che ama e che questa disciplina è dolorosa. La convinzione del peccato non è piacevole, ma “Dio ci disciplina per il nostro bene, affinché partecipiamo alla sua santità” (Ebrei 12:10).


Se Dio non esiste, allora i nostri valori culturali sono corretti: ognuno dovrebbe fare ciò che è giusto ai propri occhi. Ma se Dio esiste, dobbiamo adorarlo e sottometterci alla sua volontà rivelata nella Bibbia. l’unico che ha l’autorità di definire la moralità, “poiché ogni autorità viene da Dio, e coloro che occupano posizioni di autorità vi sono stati posti da Dio” (Romani 13:1).


La verità non sarà mai trovata guardando all’interno di come ci sentiamo, ma guardando verso l’alto, verso il potere e la maestà del nostro Creatore. Il Salmo 103 ci dice che il Signore ha compassione di coloro che lo temono. Lui sa quali creature limitate siamo e come lottiamo. L'amore di Dio è per l’uomo o la donna che combatte la confusione e la fragilità sessuale, ma la sua compassione non significa che ci è permesso di celebrare il nostro peccato e la nostra fragilità. Invece, Dio ci chiama ad aggrapparci alla sua forza mentre ci sottomettiamo a lui. “Sottomettetevi dunque a Dio. Resistete al diavolo ed egli fuggirà da voi. Avvicinati a Dio ed egli si avvicinerà a voi” (Giacomo 4:7-8).


L’attuale clima morale pone a ciascuno di noi una scelta personale. Riconosci un Creatore che ha l'autorità di definire la moralità al di fuori della comprensione umana?


“Se Gesù non è il Signore di tutti, non è affatto il Signore”. A.W. Tozer

 

Autore: Dr. Juli Slattery

Data di pubblicazione: Settembre 28, 2015

© Il materiale di Authentic Intimacy è di esclusiva proprietà di Authentic Intimacy ed è protetto da copyright. Authentic Intimacy si riserva tutti i diritti di utilizzo e distribuzione di questo materiale. Tale materiale rimane di proprietà esclusiva di Authentic Intimacy. L'Utente Finale non acquisisce alcuna proprietà, diritto o titolo di alcun genere su tutto o parte del materiale di Authentic Intimacy.

https://www.authenticintimacy.com/how-do-we-determine-right-and-wrong/

 


Aggiungi commento

Commenti

Non ci sono ancora commenti.